ModelVela Story

 

La Lega Navale di Napoli ha sempre avuto una particolare attenzione per il modellismo statico navale, a partire dagli anni ’70 e ’80, quando un gruppo di soci organizzò varie mostre sul tema, la più importante delle quali si svolse a Palazzo Reale. Il principale protagonista era il sottoufficiale Avallone della Marina Militare, gestore del Circolo Sottufficiali M.M. adiacente alla ex Infermeria della Marina a Piedigrotta.

Ma ben presto approdò in Lega anche quello che allora si chiamava modellismo dinamico: un gran bel gioco per i ragazzi, ma anche, soprattutto, una vera e propria rivelazione di un mondo nuovo per gli adulti. Stavolta la menzione va al nonno di alcuni ragazzi che facevano i primi bordi con l’optimist, che seguendo l’orma del nipote, Luca Pingue e del suo amico del cuore Giuseppe Villari giunse alla lega con i suoi modelli completi di radiocomando.

Armando Savio ebbe il pregio di illustrare ai soci della Lega il come attuare una strategia di regata in uno specchio d’acqua grande poco più che uno stagno, e addirittura come diventare acuti osservatori del come le più piccole refole incidessero sull’acqua.

I soci più disincantati non davano credito a questa attività sportiva, anzi profetizzavano a coloro che si interessavano e provavano la conduzione dei modelli un futuro radioso in avanzata età in sedia a rotelle, con il modello in acqua e con la governante al fianco.

Tali profezie non si sono affatto avverate, anzi i tesserati Modelvela – classe riconosciuta dalla FIV – sono estremamente attivi, partecipano al proprio campionato zonale al lago Miseno e ad Agropoli, e a numerose regate in tutt’Italia, animando il campionato Nazionale.

La loro dinamicità ed antitesi alla vetustà è dimostrata dal campione Italiano della Classe, quarto al campionato mondiale di Malta: Remigio Fattori, della Lega Navale Sorrento, un giovane regatante nelle classi di altura, e sempre su barche vincenti.