I Brigan per Velalonga

Conosciamo insieme i Brigan, il gruppo che accompagnerà la serata inaugurale della Velalonga.

Biografia
I Brigan nascono nel 2009 uniti dall’interesse e la passione per la musica tradizionale dei popoli dell’area Celtica. Dopo il disco d’esordio “Irish Roots”, dedicato interamente alle musiche dell’arpista irlandese T. O’Carolan, nel 2011 con l’uscita del secondo disco “Ti sfondo i bodrhàn – tradizione e contaminazione“, nasce e si sviluppa l’idea di intraprendere una nuovo progetto: fondere sonorità e ritmiche della musica celtica e musica tradizionale del Sud Italia. Il lavoro di ricerca e studio dei repertori tradizionali di gran parte dell’area Celtica (Bretagna, Irlanda, Galizia e Asturia) si rafforza con la pubblicazione nel 2014 del terzo album “Transumanza Sonora”.

5H5A7880 copia

I numerosi concerti e soggiorni in Spagna e Portogallo hanno portato i Brigan a dedicarsi interamente alla riproposta dei repertori dell’area del Nord Ovest iberico attraverso la ricerca sul campo, gli scambi e le collaborazioni con musicisti del luogo, lo studio dei vari strumenti e linguaggi tradizionali con i vari esperti di folklore in primis con l’etnomusicologo, ricercatore e costruttore di strumenti antichi Pablo Carpintero e il ricercatore e musicista zamorano Alberto Jambrina. Nel 2018 esce il quarto album “Rua San Giacomo”.
I Brigan hanno all’attivo diverse collaborazioni con musicisti italiani e stranieri tra cui: Lino Cannavacciuolo, Harry.C (Milladoiro), Xurxo Fernandes e Pandereteiras sen fronteiros, Efèn Lopez Sans, Ramon Rodríguez Gomez (ex- Coetus), Xulio Lorenzo, Davide Salvado, Massimo Ferrante, FicuFresche e molti altri.

Concerti e festival

ITALIA
Forum universale delle culture (Napoli)
Festival “Pifferi, Muse e Zampogne (Arezzo)
Festival dell’arpa Viggianese
Festival della Zampogna di Scapoli
Paleariza 2015 (Calabria)
Ernica Etnica (Veroli)
Breental Celtic (Bassano del Grappa)
Ferrara Buskers Festival 2011
Mercantia (2011-2012)
Teatro del Sale (Firenze)
Teatro Aperto (Verona)
Teatro San Genesio (Roma)
Teatro Civico (Caserta)
Rassegna Teatrale “Pulcinellamente” 2012 – 2015,
Festival “Esoterika” (Roma),
Firylands Celtic Festival (Roma)
Support band di Peppe Barra, Eugenio Bennato e del gruppo bretone Gwendal e differenti
Collaborazioni con la scuola di danze irlandesi “Gens d’Ys” di Roma.

Discografia
2009 – “Irish roots” (autoprodotto)
2011 – “Ti sfondo i bodrhan tradizione e contaminazione” (autoprodotto)
2014 – “Transumanza Sonora” (autoprodotto)
2018 – “Rua San Giacomo” (Marocco Music)

Digipak 2 ant…on tasca a sx.cdr
Rúa San Giacomo”, ideato e registrato tra Santiago de Compostela e Vigo in Galizia e Sant’Arpino, a pochi km da Napoli, è il frutto di anni di ricerche, scambi e lunghi soggiorni in terra iberica; Rúa, dal gallego-portoghese “via”, assume per i Brigan un ulteriore significato legato al cammino, un percorso iniziato proprio in Via San Giacomo (Santiago in castigliano) dov’è situato lo storico studio e luogo di nascita della band.
Un pellegrinaggio musicale di cui i Brigan sono stati protagonisti riuscendo ad inquadrare in quest’ultimo lavoro una parte di repertori, storie e musiche che nei secoli i pellegrini hanno incontrato sul loro cammino diretti verso Santiago.

Tredici brani, di cui 4 inediti, danno vita a “Rúa San Giacomo”, un piccola antologia a metà tra Atlantico e Mediterraneo, in cui si incontrano e coesistono le sonorità della musica del sud Italia con i vari linguaggi e forme musicali di quella parte di territorio iberico incastonata tra Galizia, Sanabria e Nord del Portogallo.
Alala, villanelle, muiñeire, jote, tarantelle e canti di lavoro si fondono in un unico suono e linguaggio, quello dei Brigan.

Numerosi ospiti presenti nel disco tra i migliori esponenti della scena musicale iberica e non solo: il violino di Harry.C dei Milladorio; le voci e le panderete di Xurxo Fernandes e Pandereteiras sen fronteiros; le voci di Immacolata Argiento e Maura Sciullo (FicuFresche); la gaita gallega di Pablo Carpintero; il low whistle di Xulio Lorenzo, le voci di Davide Salvado e Massimo Ferrante; la ghironda di Efrén López Sanz e il violino elettrico di Lino Cannavacciuolo. Ad arricchire il disco la prefazione del Maestro Peppe Barra.

I Brigan
Francesco Di Cristofaro
voce, fisarmonica, gaita alistana, gaita sanabresa, gaita gallega, zampogna, pito pastoril, tin e low whistles, sisco giuglianese, mandolino, bouzouki
Ivan del Vecchio chitarra classica, chitarra acustica, chitarra 12 corde, mandoloncello
Gabriele Tinto cori, marranzano, panderete, pandero cuadrato, pandero di Penaparda, tamburelli, tammorra, castagnette, vieiras, almirez, bombo, piatti, rullante, putipù
Simone Lombardi cori, botilia di Anis, tambor, unghie di capra, bombo

Contatti:
http://www.briganmusic.combriganmusic@gmail.com

Francesco – +39 340 106 79 43  Gabriele – +39 348 558 33 33